Giovanni Paolo 2°

Non son mai stato un Papa Boys, anzi, mi reputo scarsamente credente, però il 2 di aprile di 5 anni fa ho pianto sinceramente alla morte di un uomo, piu che un papa, che ha saputo dimostrare e fare molte cose, sopratutto stridenti con il suo ruolo di papa. Giovani, potenti, nemici, altre religioni, poveri… tutte persone che non son riuscite a ignorare questa figura paterna, forte nonostante le malattie e decisa nel “fregare” tutti quelli che lo vedevano come un papa di passaggio,

un personaggio che non avrebbe cambiato nulla. Un progressissta, un innovatore nonostante alcune cose siano rimaste immutate, ma capaca in primis di attirare le folle. In tanti hanno pianto ed io sono fra quelli. Un estratto di wiki per parlare di lui…

Domande di perdono

« Come successore di Pietro, chiedo che in questo anno di misericordia la Chiesa, forte della santità che riceve dal suo Signore, si inginocchi davanti a Dio e implori il perdono per i peccati passati e presenti dei suoi figli […] senza nulla chiedere in cambio. »

(Papa Giovanni Paolo II, Incarnationis mysterium, 29 novembre 1998.)

Ha pubblicamente espresso più volte richieste di perdono per quelli che ha considerato come i peccati commessi da cattolici durante i secoli. Di seguito sono elencate alcune delle occasioni:
Il 31 ottobre 1992 per la persecuzione dello scienziato italiano Galileo Galilei ed il processo che seguì nel 1633.
Il 9 agosto 1993 per il coinvolgimento di cattolici nella tratta degli schiavi africani.
Nel maggio 1995, nella Repubblica Ceca, per il ruolo avuto dalla Chiesa nei roghi e nelle guerre religiose che seguirono la riforma protestante.
Il 10 luglio 1995 inviò una lettera destinata «ad ogni donna» in cui, pur non chiedendo esplicitamente perdono per le ingiustizie compiute verso le donne nel nome di Cristo, di fatto sottolineava gli “enormi condizionamenti che, in tutti i tempi e in ogni latitudine, hanno reso difficile il cammino della donna, misconosciuta nella sua dignità, travisata nelle sue prerogative, non di rado emarginata e persino ridotta in servitù” Lettera di Giovanni Paolo II alle donne.
Il 21 maggio 1995 a Olomouc nella Repubblica Ceca, a nome della Chiesa di Roma chiede perdono dei torti inflitti ai non cattolici e nel contempo assicura il perdono della Chiesa cattolica per le sofferenze che i suoi figli hanno patito. Al suo ritorno nella Repubblica Ceca, richiama esplicitamente tale discorso il 27 aprile 1997.[46]
Il 29 novembre 1998 con la bolla di indizione dell’Anno Santo del Giubileo del 2000 Incarnationis mysterium.[47]
Il 18 dicembre 1999 per l’esecuzione di Jan Hus nel 1415.
Durante una solenne celebrazione in Vaticano il 12 marzo 2000, chiese perdono per i peccati commessi in ogni epoca dai cattolici che violarono «i diritti di gruppi etnici e intere popolazioni, e dimostrarono disprezzo per le loro culture e tradizioni religiose.»
Il 4 marzo 2001 si scusò con il Patriarca di Costantinopoli per i peccati commessi dai crociati in occasione della Quarta crociata, che nel 1204 si mosse contro Costantinopoli invece che verso la Terrasanta.
Il 21 novembre 2001 chiese scusa, via internet, per gli abusi commessi dai missionari nel passato contro le popolazioni indigene del Pacifico meridionale.

Non abbiate paura…

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...