Le tante leggi bavaglio…

… da ieri Wikipedia Italia, segnala l’ennesimo tentativo di imbavagliare giornali, giornalisti, siti e noi blogger, con le leggine bavaglio create appositamente per sbatter l’Italia ancor più in basso nella classifica delle realtà meno libere in assoluto, giornalisticamente (E NON) parlando.

Tale nuovo comma è attualmente in votazione da parte dei signori pagliacci, ma si tratta comunque qualcosa nato dal fù governo Berluskaiser e dal buon Alfano. Nello specifico cito Wikipedia (ma basta aprirla in qualsiasi pagina e trovare quanto qui riportato:

Gentile lettore, gentile lettrice,

il comma 29 del disegno di legge in materia di intercettazioni telefoniche, telematiche e ambientali (rif.) – se approvato dal Parlamento italiano – imporrebbe ad ogni sito web, a pena di pesanti sanzioni, di rettificare i propri contenuti dietro semplice richiesta di chi li ritenesse lesivi della propria immagine.

Wikipedia riconosce il diritto alla tutela della reputazione di ognuno – già sancito dall’articolo 595 del Codice Penale italiano – ma con l’approvazione di questa norma sarebbe obbligata ad alterare i contenuti delle proprie voci indipendentemente dalla loro veridicità, anche a dispetto delle fonti presenti e senza possibilità di ulteriori modifiche. Un simile obbligo costituirebbe una limitazione inaccettabile all’autonomia di Wikipedia, snaturandone i principi fondamentali.

Wikipedia è la più grande opera collettiva della storia del genere umano, in continua crescita da undici anni grazie al contributo quotidiano di oltre 15 milioni di volontari sparsi in tutto il mondo. Le oltre 925 000 voci dell’edizione in lingua italiana ricevono 16 milioni di visite ogni giorno, ma questa norma potrebbe oscurarle per sempre.

L’Enciclopedia è patrimonio di tutti. Non permettere che scompaia.

… quanto possa esser “pericoloso” o meno tale atteggiamento da parte di Wikipedia, chiaramente votato a sollevar l’opinione morale di persone troppo placide da accorgersi che le cose accadono ogni giorno contro di noi, non posso dirlo. Personalmente qualcuno può definirlo allarmismo, io lo definisco “giusta informazione”.

Se ne parlò ampiamente settimane e mesi fa, ma molti, e mi aggiungo in questo gruppo, hanno perso di vista il problema, spinti, manipolati o distratti da altro ( come i terremoti).
Rinfreschiamoci quindi il tutto, sottolineando di cosa si tratta, con un estratto della legge in questione:

PARERE DELLA IX COMMISSIONE PERMANENTE

(Trasporti, poste e telecomunicazioni)        La IX Commissione,

esaminato, per le parti di propria competenza, il nuovo testo del disegno di legge recante: «Norme in materia di intercettazioni telefoniche, telematiche e ambientali» (n. 1415-B Governo),

premesso che:

il testo approvato dal Senato reca modifiche al comma 29 dell’articolo 1, in base alle quali si precisa che i giornali quotidiani e periodici diffusi per via telematica sono compresi nell’ambito dei siti informatici ai quali è esteso l’obbligo di rettifica delle informazioni ritenute non veritiere o lesive della reputazione dei soggetti coinvolti, mediante la pubblicazione, entro quarantotto ore dalla richiesta, delle dichiarazioni o rettifiche con le stesse caratteristiche grafiche, la stessa metodologia di accesso al sito e la stessa visibilità della notizia cui si riferiscono;

la formulazione del testo, come modificato dal Senato, non esclude il rischio, già evidenziato nel parere espresso dalla Commissione sul disegno di legge in prima lettura presso la Camera dei deputati, che l’obbligo di rettifica ricada, per la generalità dei siti informatici, piuttosto che sugli autori dei contenuti diffamatori, sui gestori di piattaforme che ospitano contenuti realizzati da terzi, i quali, in considerazione del volume dei contenuti ospitati dalla piattaforma, non sarebbero in grado di far fronte a tale obbligo;

occorre invece ribadire l’esigenza che l’obbligo di rettifica, di cui all’articolo 8 della legge 8 febbraio 1948, n. 47, come modificato dal comma 29 dell’articolo 1 del disegno di legge in esame, sia riferito esclusivamente ai giornali e periodici diffusi per via telematica e soggetti all’obbligo di registrazione di cui all’articolo 5 della citata legge n, 47 del 1948;

        esprime

PARERE FAVOREVOLEcon la seguente condizione:

alla lettera a) del comma 29 dell’articolo 1, capoverso, sostituire le parole: «ivi compresi i giornali quotidiani e periodici diffusi per via telematica» con le seguenti: «che recano giornali quotidiani e periodici diffusi per via telematica e soggetti all’obbligo di registrazione di cui all’articolo 5»;

conseguentemente,

alla lettera d) del medesimo comma, capoverso, sostituire le parole: «, ivi compresi i giornali quotidiani e periodici diffusi per via telematica», ovunque ricorrano, con le seguenti: «che recano giornali quotidiani e periodici diffusi per via telematica e soggetti all’obbligo di registrazione di cui all’articolo 5»;

alla lettera e) del medesimo comma, capoverso, sostituire le parole: «, ivi compresi i giornali quotidiani e periodici diffusi per via telematica» con le seguenti: «riconducibili a giornali quotidiani e periodici diffusi per via telematica e soggetti all’obbligo di registrazione di cui all’articolo 5».

… ESPRIME PARERE FAVOREVOLE…
Serve commentare tale parte?
No. Ecco, semplicemente stiamo attenti, ma non solo ai super figli di Dio che ci governano, ma anche a scriver cazzate o pareri strettamente personali e denigrativi verso qualcuno, cosa già sanzionabile, ma con questo comme diventa assolutamente opinabile e contro la libertà d’espressione e non di diffamazione. Buttano tutto in un calderone.
Il politichese e le leggi son di facile lettura, ma di difficile contestualizzazione. Magari tutto questo si rivelerà esser qualcosa di eccessivamente enfatizzato, oppure sarà realmente il postone per l’ingresso della censura. Semplicemente va visto, controllato, valutato e non dimenticato come al nostro solito.

Per dover di cronaca, ecco il link a tutto il faldone in discussione (e leggerete che parte tutto dal 2010) dai nuovi protettori della legge e dei loro interessi e vediamo quanto vanno a braccio con il vecchio governo o se gli vanno… in culo.

http://www.camera.it/_dati/leg16/lavori/schedela/apriTelecomando_wai.asp?codice=16PDL0040322

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...