Piccoli amici di casa…

Sempre più spesso si legge delle nuove tendenze in fatto di animali domestici.
Cani, gatti, canarini e pesci d’acquario vengono sempre più soppiantati nelle nostre case da altri animali quali iguane, piragna, tarantole, scorpioni, draghi barbuti e rettili vari.
Fra questo ultimo gruppo ci son gli amanti dei serpenti.

Personalmente non ho nulla da dire contro i serpenti e chi li alleva.
Sono belli, regali e fantastici al tatto, ma non mi sognerei mai di tenerne uno in casa, in quanto non lo reputo, almeno personalmente, come un animale da compagnia.
Ma indipendentemente da questo ci son molti di questi serpenti ed animali esotici in genere, che si possono definite innocui per l’uomo, non mortali e che, quindi, trovo sia più ragionevole ed accettabile l’allevamento e la tenuta in cattività presso la propria abitazione.

Quello che non capisco è cosa possa esserci di bello nel pericolo dell’allevare specie velenose o comunque mortali, un pericolo che non condivido e che reputo altamente illogico e dannoso.
Ne è esempio pratico questo un bellissimo pitone di 4 metri (4 metri!!!) che, non si sa come, non si sa perché, fugge da una gabbia, risale un impianto di ventilazione e strangola due bambini nel sonno, probabilmente per ingoiarli e digerirli in seguito.

pitone africano
Poco mi frega se era del padre dei bambini, di un amico o del proprietario del negozio di animali del piano di sotto, fatto sta che un cazzo di pitone di 4 metri (e sembra anche di una specie non proprio amichevole) stava in edificio in una città ed ha ucciso due bambini.

Per me una situazione come questa può benissimo spiegare come e perché la nostra razza si estinguerà, mettendosi da sola nelle situazioni più assurde e tirandosi in casa un pitone di quelle dimensioni.
Realmente non comprendo questa necessità di accollarsi un rischio per se e per gli altri con animali mortali.
Ci son N altri serpenti che non son potenzialmente mortali per l’uomo da portarsi a casa se proprio si vuole qualcosa di esotico e come con i serpenti ci son anche ragli e tarantole non velenose, iguane non mortali e così via.
Non si tratta di piacere dell’esotico, ma d’esser coglioni amanti del rischio.

Fino a quando di mezzo non ci va qualcuno…

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...