I 5 perche’ di…… controllare il valore SAR negli Smartphone.

Troppo spesso quando dobbiamo comprare qualcosa guardiamo alla bellezza dell’oggetto, alla sua utilità ed alle sue specifiche, ma  mai (o quasi) se quell’oggetto ci fa bene oppure no.
Caso principe, al quale vorrei accennare oggi, è quello degli smartphone, dei veri e propri forni a microonde.
Ben inteso, non vanno demonizzati, non si sa ancora se i campi elettromagnetici sono dannosi o meno (come non potrebbero esserlo?), ma il SAR (Specific Absorption Rate, in italiano “Tasso di Assorbimento Specifico) e’ un fattore secondo me fondamentale da tener conto quando si compra un apparecchio nuovo, valore che tutti dovrebbero controllare in fase d’acquisto.

Ebbene, in questo articolo (se qualcuno fa un buon lavoro, perche’ non citarlo e renderne onore?) si puo’ trovare ben spiegato cosa di cosa si tratta, di come si dovrebbe usare un telefono e una tabella di telefoni (primo semestre 2015) con i loro valori.
Un paio di precisazioni però sono d’obbligo:

  1. Tutte le case misurano “in casa” i livelli di emissione e, quindi, vanno presi con le pinze i valori proposti. Ad oggi non si trova un ente riconosciuto che effettui tali test e nemmeno i siti/blog di settore trattano l’argomento in mancanza di strumenti adatti ai test (reputo gia’ un plus non indifferente alcuni siti che misurano la temperatura degli smartphone).
  2. Non tutte usano la stessa distanza dal corpo, chi 2cm, chi 5, chi addirittura 15 o 20cm di distanza dall’orecchio. Controllate sempre e fate i vostri paragoni. Non ho una tabella precisa che rapporti un valore in una data distanza con un valore preso in una seconda distanza, ma, generalmente, piu’ si e’ vicini alla fonte di emissione, piu’ il valore e’ alto.
  3. Appunto, l’orecchio. Secondo le norme, la radiazione va misurata a contatto con l’orecchio… ma anche a contatto con il corpo, per questo tutti i manuali di specifiche dovrebbero contrnere almeno questi due parametri. Chiaramente, il telefono tenuto in tasca affianco al gluteo, ha una penetrazione molto minore rispetto ad un orecchio, fosse anche solo per i cm di lardo che abbiamo sul culo, la differenza e’ notevole.
  4. Con il tempo le tecnologie si sono raffinate e vediamo che in soli 3 anni i valori sono calati dal livello “microonde” al livello “fornello da campeggio”, ma qualche terminale per cosi’ dire moderno sputa ancora radiazioni come nei primi anni 80. Fate caso alla posizione delle antenne. Corpi unibody in metallo schermano le onde e, quindi, il terminale deve emetterne molte di piu’ per potersi connettere, Non a caso i produttori inseriscono elementi in vetro o plastica nelle cornici per dar posto alle antenne interne. In questo modo e’ facile intuire dove si trovano. Non disprezzate quindi i telefoni con delle belle cornici.
  5. NON ESAGERATE MAI con il cellulare, ne voi ne i vostri frugoletti. Le storie underground dove se tieni il cellulare vicino alle palle te le friggi, non sono solo delle leggende e un piccolo fondo di verita’ possono anche contenerlo. Del resto ci hanno provato in molti a friggere un uovo con i telefonini… http://www.youtube.com/watch?v=6mmHbmpD7_k
Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...